Controllo cache di Google

Controlla quando è stata l'ultima volta che Google ha memorizzato una versione cache del tuo sito web dopo aver fornito al nostro strumento l'URL di un sito e premendo il pulsante "Controlla cache di Google".

Inserisci fino a 5 domini con http: //

La maggior parte delle persone che hanno o gestiscono siti Web hanno questo malinteso secondo cui Google controlla ogni sito Web in tempo reale. Google non funziona in questo modo; visita tutti i siti Web su Internet in base alla sua routine. Cattura un'istantanea di ogni sito Web che visita e lo memorizza sui suoi server. Se esegui un comando Google cache checker, ti dice la data e l'ora del "quando è stata l'ultima volta che hai visitato un sito web".

Esistono due modi per eseguire il comando Google cache checker. È possibile aprire qualsiasi browser e immettere il seguente comando nella barra di navigazione:

Cache: http://www.mywebsite.com

Google restituirà un messaggio che ti informa della data e dell'ora in GMT dell'ultima ispezione del sito Web memorizzata nella sua cache. Nel caso in cui non ricordi il comando, c'è un modo più semplice per scoprire quando Google ha visitato per l'ultima volta un sito. Puoi utilizzare lo strumento di controllo della cache di Google searchenginereports.net. Questo strumento svolge la stessa funzione e presenta i risultati in una forma intuitiva e facilmente leggibile. Poiché questo strumento consente di controllare fino a cinque domini, mostra i risultati in un modulo di report.

Il rapporto ha cinque colonne che contengono:

  1. Numero di serie: se è stato inserito più di un URL, viene visualizzato il suo numero di serie. Se hai inserito un URL, il numero di serie sarà 1.
  2. URL: viene visualizzato il nome dell'URL per cui viene richiesto il rapporto
  3. URL cache: visualizza un collegamento ipertestuale "Visualizza URL". Se fai clic su di esso, verrà visualizzata la versione completa della cache del sito Web memorizzata da Google. È inoltre possibile visualizzare solo il testo o la versione di origine.
  4. Ultima modifica: questa colonna mostra la data e l'ora in cui Google ha creato una copia dell'URL e lo ha memorizzato nella sua cache.
  5. Stato: viene visualizzato lo stato del sito Web quando Google lo ha verificato. Se il sito era attivo e funzionante, il suo stato sarà OK.

Se esegui frequentemente questa utility sul tuo sito Web, scoprirai con quale frequenza Google passa per controllare il tuo sito Web.

non vuoi solo tenere traccia delle prestazioni del tuo sito Web su Google. Ma vuoi anche controllare i siti web dei tuoi concorrenti. Ora puoi inserire cinque dei tuoi URL principali della concorrenza nello strumento di controllo della cache di Google searchenginereports.net e le loro informazioni sulla cache verranno visualizzate. Da questo, puoi vedere le ultime visite ai loro siti. Se esegui questo controllo ogni tre o quattro giorni, saprai se Google sta effettuando più visite ai siti dei tuoi concorrenti.

Ci sono alcuni fornitori di strumenti SEO su Internet che consentono a un utente di eseguire lo strumento di controllo della cache di Google in blocco. Ciò implica che è possibile eseguire lo strumento di controllo su più di un sito Web alla volta.

Lo strumento di controllo della cache di Google in blocco ti consente di inserire e controllare fino a venti URL contemporaneamente.

Questo strumento è utile se il tuo sito web deve affrontare molta concorrenza e vuoi controllare i venti siti che sono in competizione con te. Dopo aver eseguito il test collettivo, i risultati restituiti da alcuni degli strumenti elencano solo gli URL e la data e l'ora in cui Google ha creato una cache del sito.

Se esegui il test su base giornaliera, vedrai con che frequenza Google visita te e i siti dei tuoi concorrenti. Sarebbe utile quando si desidera eseguire qualsiasi operazione SEO per migliorare le prestazioni del proprio sito Web.

Google controlla il traffico di ciascun sito Web e maggiore è il traffico su un sito Web, più spesso Google lo controllerà. Succede su siti che hanno un volume di traffico estremamente elevato. Ad esempio siti Web come CNN, Fox News, Washington Post, New York Times, Reuter, BBC e altri siti di notizie che vengono costantemente aggiornati vengono visitati più spesso da Google. Un sito Web che potrebbe contenere contenuti estremamente utili, ma con pochi aggiornamenti e traffico verrà visitato meno frequentemente da Google.

Inoltre, Google visita e memorizza nella cache i siti che seguono l'acronimo ART, che è:

  • Autorità
  • rilevanza
  • Traffico

Un sito Web che sta seguendo queste tre regole è in competizione con altri siti simili per la classifica nel loro settore. Dal momento che Google fa la classifica, è logico che Google visiterà e memorizzerà nella cache questi siti più regolarmente.

Il browser della cache di Google non deve essere confuso con il test della cache e il test dei cookie. Google visita regolarmente i siti Web e scatta un'istantanea del sito e lo memorizza nella cache. D'altra parte, i SEO utilizzano test della cache e test dei cookie per testare e controllare la cache memorizzata sul computer host del sito e i cookie su di esso. I provider di servizi Internet memorizzano le cache degli URL più frequentemente navigate dall'utente.

Un cookie è una piccola parte delle informazioni che un server visitato memorizza sulla macchina di un client. Ogni volta che il cliente desidera visitare quel sito, il cookie invia la richiesta al server. Ciò consente di risparmiare tempo in quanto il browser non deve effettuare una nuova ricerca per il sito. Le e-mail e altri siti spesso visitati, in particolare i siti di social media, memorizzano i cookie sui computer client.

Sì, come SEO o sito web master lo strumento di controllo della cache di Google è utile. Con questo puoi vedere la frequenza delle visite di Google ai tuoi e se desideri i tuoi siti principali della concorrenza. È possibile visualizzare la versione completamente visualizzata, la versione solo testo e la versione di origine. Un SEO può utilizzare queste informazioni per vedere se un concorrente utilizza una tecnica SEO di notizie. Il SEO può anche tentare di trovare la ragione per il miglior posizionamento del sito di un concorrente.

Tra gli altri strumenti utilizzati dai SEO per migliorare e mantenere la classifica dei loro siti Web searchenginereports.net è utile lo strumento di controllo della cache di Google.

Altre lingue: English, русский, 日本語, italiano, français, Português, Español, Deutsche, 中文